Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
26-03-2010

Riforma sanitaria statunitense, perche' non puo' funzionare

La riforma sanitaria statunitense, approvata con qualcosa di molto simile al voto di fiducia in Italia si basa sui seguenti elementi di fondo:

1) l'obbligo all'assicurazione con penali che dal 2016 supereranno i cinquecento dollari per coloro che non lo fanno
2) l'impossibilita' per le compagnie di assicurazione di rifiutare certi rischi
3) la maggiore imposizione sui redditi alti

Sul primo punto. Ci pare impossibile, in un paese in cui la gente abbandona le proprie case in percentuali superiori alle due cifre perche' non puo' pagare il mutuo di andare a multarli perche' non hanno i soldi per pagarsi un'assicurazione. Sicuramente non e' democratico.
Sul secondo punto. E'inutile scaricare sul settore privato, dove il piu' grosso gruppo assicurativo AIG e' gia' costato ai contribuenti decine, forse centinaia di miliardi di dollari il costo sociale che uno stato dovrebbe mettere in conto per sostenere i piu' bisognosi. Comunque, come nel caso di AIG, il costo alla fine viene sostenuto dai cittadini, meglio dirglielo subito.
Sul terzo punto. Al di la' di alcuni super ricchi, la classe medio alta, quella che guadagna 150 o 200 mila dollari all'anno, sta scomparendo, negli Stati uniti come in Europa. Le previsioni di maggior gettito da questa fascia, se sono vere le teorie di Laffer ("se tassi di piu' la gente produce di meno") sono a nostro parere molto gonfiate.
Il problema stava, come hanno sottolineato coloro che hanno votato contro la riforma, nell' entrare nel meccanismo di prescrizione. Anche negli Stati Uniti, l'equivalente del servizio sanitario pubblico prescrive troppe cose di cui la gente non ha veramente bisogno.
Cosi' i democratici manterranno con ogni probabilita' la maggioranza al congresso nelle elezioni di meta' madato, ma non hanno certo reso un servizio al paese.


Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

15-04-2019
Bpm colloca una obbligazione richiamabile ogni cinque anni con cedole semestrali delL'8,75%: le banche le emettono quando non riescono a fare aumenti di capitale
10-04-2019
Quando succede vi saranno meno euro in circolazione
08-04-2019
Qualcosa di profondamente irrazionale sta succedendo sui mercati obbligazionari e vedrà correzioni violente: questa la settimana forse decisiva per le sorti delle valute
04-04-2019
Secondo il Financial Time già forse a partire dalla prossima riunione del dieci, la BCE potrebbe annullare la tassa implicita che le banche pagano sui loro depositi presso l'istituto centrale. Poco meno di duecento miliardi di euro già depositati dal sistema bancario, che potrebbero aumentare con questa idea. La carenza di euro in circolazione aumenterebbe molto e dovrebbe senza indugio spingere l'euro al rialzo e scoraggiare le grandi fusioni bancarie
02-04-2019
Molte polemiche sulle previsioni di crescita diffuse da Oc se e Confindustria, ma sono addizioni e sottrazioni, non elucubrazioni