Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
13-12-2016

Salvatore Ferragamo, Recente Avvicendamento al Vertice

Ha da poco lasciato la guida di Salvatore Ferragamo Michele Norsa. L'amministratore delegato, nel gruppo dal 2006 e convinto promotore della Quotazione, avvenuta nel 2011, continuerà a collaborare con la maison fiorentina in veste di direttore non esecutivo.
Michel Norsa fu voluto in Ferragamo proprio per la sua esperienza di mercati azionari: nel 2002  svolse un ruolo chiave nello spin-off di Valentino Fashion Group dalle attività di Marzotto.
Oggi il gruppo è in più di cento paesi, oltre sessanta con presenze dirette di negozi monomarca, con un fatturato superiore al miliardo di euro. Al suo posto Eraldo Poletto, già AD di Furla.
Il settore della moda vive un momento di grandi sfide dove la scelta è tra un contenimento quasi esasperato dei costi, come nel caso di Burberry  e una ricerca ancora più maniacale del prodotto. Su questa strada sembra orientatata Salvatore Ferragamo.
 
Dalla sua Quotazione il titolo è raddoppiato di valore in cinque anni, tra i più faticosi per la borsa italiana.
Per un investitore prudente rappresenta senz'altro buon valore: il titolo paga un Dividendo del due per cento e vende a multipli degli utili molto contenuti rispetto alla media di settore, intorno alle venti volte.
Ancora più importante, per risparmiatori sempre più attenti alla situazione delle banche italiane, la società ha un indebitamento quasi nullo: garanzia che in qualsiasi contesto finanziario un gruppo che si autofinanzia e vende in tutto il mondo continuerà a fare bene. 

 


Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

10-01-2018
I Cinesi sanno come tenere glI Americani al guinzaglio. Trump farebbe meglio a tenerne conto , la riforma fiscale ha bisogno dei Cinesi per essere finanziata. Zhong Huo è proprio la terra di mezzo
05-01-2018
Le spiegazioni sono sempre le stesse: automatizzazione, invecchiamento della popolazione e concentrazione della ricchezza nelle mani di pochi. Oggi ancora più convinti che l'euro debba scendere molto da questi livelli. Più la Bce pompa denaro e tiene i tassi bassi più l'inflazione scende. Non è difficile da capire ma fa comodo a molti non abbandonare le vecchie teorie economiche
04-01-2018
Spinta irrazionale sui titoli del gruppo dopo dati molto deludenti negli Stati Uniti
02-01-2018
Di settemila pagine di cose che in larga parte non interessano il cliente, quello che diventa trasparente sono i costi, ma non nelle polizze assicurative che verranno enormemente spinte dagli intermediari finanziari: almeno sino alla introduzione della Direttiva IDD, posticipata a ottobre di quest'anno
31-12-2017
Dall'inizio delle rendicontazioni , in media il 2011, tutti i portafogli fanno meglio del mercato, ma non tutti gli anni. Quest'anno molto bene quelli su cui si possono fare dei ragionamenti, ovvero quello emergenti e quello materie prime. Meno bene quelli che sono trascinati dalle mode.