Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
30-05-2017

Stati Uniti, Banche Via dai Prestiti Auto

Il FT lo paragona al mercato subprime del 2008 https://www.ft.com/content/92ec8204-4251-11e7-9d56-25f963e998b2, azzardato perchè allora quei crediti erano cartolarizzati molte volte e il valore di un'auto è molto più predittibile di quello di una casa. Tuttavia le difficoltà di Ford e le grand aspettative su Tesla, che secondo Morgan Stanley produrrà quest'anno al massimo due mila esemplari del modello 3, su cui si parla di quattrocentomila prenotazioni, fanno prevedere un mercato in decisa contrazione.
Investire, non scommettere, sull'automobilistico vuol dire guardare a Est. Le nostre migliori scelte Tata Motors, di cui scrivevamo nei giorn scorsi e Toyota, sostenuta da un bel Dividendo e certamente favorita dalle difficoltà in cui si imbatte Hyundai.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-06-2017
Dovrebbe Salvare l'Europa Secondo l'Economist , Intanto Blocca le Acquisizioni in Francia
07-06-2017
Marcegaglia annuncia appena aggiudicatasi l'asta che cederà subito la quota ad Intesa, che così spera di fare un colpaccio e rientrare dai crediti con il gruppo. Paese allo sbando
06-06-2017
Mesi fa indicammo come la crescita della produzione industriale dichiarata non era compatibile con i dati di consumi elettrici. Ora la crescita del Pil "migliore delle attese" attribuita a consumi e servizi
06-06-2017
Draghi giovedì rassicurerà sulla estensione delle manovre monetarie e indebolirà con ogni probabilità l'euro, ma l'Italia ora se la deve vedere da sola. Pessima decisione sull'Ilva che getta discredito sulle politiche economiche del paese
01-06-2017
Padoan chiede di ridurre gli aggiustamenti allo 0,3 del Pil, per evitare le clausole di salvaguardia; dieci miliardi in meno di quanto richiesto da Bruxelles. Mentre su MPS l"accordo preliminare" annunciato oggi non prevede ancora il via libera della BCE: sei mesi di "approfondimento" per un comunicato qui allegato degno del marchese del Grillo