Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
29-12-2017

Tariffe, le Tasse che non Sappiamo di Pagare

Secondo i censimenti Istat del 2014 (ultimo disponibile) siamo circa sessanta milioni di residenti. Assumendo un nucleo medio familiare di due persone fanno trenta milioni di famiglie che consumano una media di 2700 kwh di energia all'anno (a tre kwh di potenza cambia poco se si è in due o in quattro) https://puntienergia.com/guida/consumo-medio-energia-elettrica-famiglia. A ventiquattro centesimi per Kwh sono tra i tredici e quindici miliardi di spesa annua, su cui un aumento del 5% (solo per l'energia), vale per lefamiglie circa settecentocinquanta milioni. Poi c'è il gas. Infine ci sono le imprese.
Stimiamo dunque che i rincari del cinque per cento valgano circa due miliardi di maggiore introito per lo stato. Le tasse rappresentano circa il trenta per cento del costo ma i gestori delle tariffe sono pubblici dunque gli introiti vanno tutti direttamente o indirettamente, nelle casse dello stato.
Ridcole le motivazioni addette per i rincari http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2017-12-29/energia-gennaio-elettricita-aumento-53percento-gas-5percento-092839.shtml?uuid=AE2PxaYD : e ancora meno soldi nelle tasche delle famiglie.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-04-2019
Bpm colloca una obbligazione richiamabile ogni cinque anni con cedole semestrali delL'8,75%: le banche le emettono quando non riescono a fare aumenti di capitale
10-04-2019
Quando succede vi saranno meno euro in circolazione
08-04-2019
Qualcosa di profondamente irrazionale sta succedendo sui mercati obbligazionari e vedrà correzioni violente: questa la settimana forse decisiva per le sorti delle valute
04-04-2019
Secondo il Financial Time già forse a partire dalla prossima riunione del dieci, la BCE potrebbe annullare la tassa implicita che le banche pagano sui loro depositi presso l'istituto centrale. Poco meno di duecento miliardi di euro già depositati dal sistema bancario, che potrebbero aumentare con questa idea. La carenza di euro in circolazione aumenterebbe molto e dovrebbe senza indugio spingere l'euro al rialzo e scoraggiare le grandi fusioni bancarie
02-04-2019
Molte polemiche sulle previsioni di crescita diffuse da Oc se e Confindustria, ma sono addizioni e sottrazioni, non elucubrazioni