Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
31-05-2017

Visco, Propaganda e Bugie di Fine Mandato

Stamane a Carige viene sfiduciato l'amministratore delegato da Malacalza che lo ha voluto solo poco tempo fa.

Valutare il portafoglio delle sofferenze è difficile e le agenzie di Rating si basano su quello che dicono gli amministratori delegati, non fanno alcun controllo, quindi davvero non servono a molto.
Ma i numeri sparati da Visco stamane, che vedremo con ogni probabilità allla testa di qualche istituto di credito a breve, sono davvero una presa in giro. Eppure sono in molti a crederci ancora o a far finta di crederci per convenienza.

Se solo di venti milardi si dovesse trattare e gli ottanta miliardi netti di sofferenze in portafoglio alle banche sono mediamente valutati al quaranta per cento, vorrebbe dire che vi è un mercato per comprare l'intero pacchetto al trenta per cento.
Ma allora perchè fare norme ad hoc per infilarli nel portafoglio dei clienti dei fondi pensione e di Poste Vita. Anche a Carige, il consiglio che fui poi citato per un miliardo di danni da Malacalza e soci aveva detto nel giorno dell'insediamento del nuovo AD che oggi viene licenziato che era tutto a posto. 
Per finire atto di auto assolouzione completa: la Banca d'Italia avrebbe fatto quello che doveva fare, incluso probabilmente non sollevare obezioni all'intervento di Atlante che un anno fa la stampa proclamava "avere messo in sicurezza il sistema".

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-06-2017
Dovrebbe Salvare l'Europa Secondo l'Economist , Intanto Blocca le Acquisizioni in Francia
07-06-2017
Marcegaglia annuncia appena aggiudicatasi l'asta che cederà subito la quota ad Intesa, che così spera di fare un colpaccio e rientrare dai crediti con il gruppo. Paese allo sbando
06-06-2017
Mesi fa indicammo come la crescita della produzione industriale dichiarata non era compatibile con i dati di consumi elettrici. Ora la crescita del Pil "migliore delle attese" attribuita a consumi e servizi
06-06-2017
Draghi giovedì rassicurerà sulla estensione delle manovre monetarie e indebolirà con ogni probabilità l'euro, ma l'Italia ora se la deve vedere da sola. Pessima decisione sull'Ilva che getta discredito sulle politiche economiche del paese
01-06-2017
Padoan chiede di ridurre gli aggiustamenti allo 0,3 del Pil, per evitare le clausole di salvaguardia; dieci miliardi in meno di quanto richiesto da Bruxelles. Mentre su MPS l"accordo preliminare" annunciato oggi non prevede ancora il via libera della BCE: sei mesi di "approfondimento" per un comunicato qui allegato degno del marchese del Grillo