Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
09-01-2018

Yen, Ora (Finalmente) le Condizioni Per un Grosso Balzo

Piccolo segno da Kuroda, che sta aspettando di vedere se lo riconfermano (decide Abe da solo), probabilmente per pressioni internazionali, dato che il Giappone si avvantaggia da anni oramai di questa situazione. Come in area euro, l'Inflazione in Giappone non arriverà mai per motivi strutturali ancora più forti: la propensione al risparmio è molto alta, lo sviluppo tecnologico è superiore a quello europeo, Panasonic e Toyota sono le aziende che più pensiamo abbiano potenziale e la popolazione è molto anziana.
Abe a questo punto, che non ha problemi di riconferma, deve guardare alla economia reale a cui gli acquisti di titoli sul decennale sottraggono risorse importantissime. Anche a costo di un ulteriore aumento dello stock di debito, il più alto al mondo dove tuttavia le famiglie possono senz'altro sostituire il governo negli acquisti (il debito pubblico è largamente detenuto all'interno). Se la Boj viceversa non smette gli acquisti si troverà con enormi minusvalenze in pancia, perchè i tassi, se non altro per simpatia con le altre aree, sono destinati a salire seppure di poco.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

12-04-2019
La estradizione di Assange aumenterà enormemente la popolarità del presidente, Fed sempre più accomodante e dollaro decisamente giù
11-04-2019
Molto più diplomatiche le dichiarazioni di Powell, e forse è un peccato
22-03-2019
Stupisce sempre la reazione ai dati, stamane l'indebolimento dell'euro a dati che se si ragiona con la propria testa invece che leggere i giornali sono sotto gli occhi di tutti. Ora cambio al ribasso la mattina e al rialzo il pomeriggio
21-03-2019
Tutto ora gioca a favore di una forte rivalutazione dell'euro contro dollaro
20-03-2019
Dati un po' migliori dalla Germania e probabile rallentamento nelle aspettative sugli Stati Uniti