Cerca:
File Icon Versione per stampa




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia

Vale un minuto


11-10-2016
Per il meccanismo dei grandi elettori difficile che ora Trump possa avere il sostegno del partito.. Borse ancora al rialzo dunque nel breve anche se l'inconsistenza del programma della stessa Clinton dovrebbe spegnerlo in poche settimane. Settore energetico il piu' interessante
10-10-2016
Nessuno dei de candidati ha davvero un piano al di là di cercare di distruggere l'avversario. Sulla sanità, la politica energetica, il sistema finanziario, ovvero i temi che interessano le borse, pochissime idee, ma confuse. Sul mercato statunitense si può ancora investire senza grandi patemi, anche perché i tassi non saliranno se Giappone e Europa non dichiarano che non vi saranno ulteriori espansioni monetarie, il che non accadrà presto.
07-10-2016
in un intervento davvero incosciente il funzionario UE sembra intenzionato a concedere ulteriori otto miliardi di flessibilita' all'Italia, ovvero di maggiori debiti da pagare. Assist al referendum, Unione Europea disperatamente alla ricerca di strumenti per non far uscire l'Italia dall'euro. L'intervento ha senz'altro facilitato il flash crash della sterlina della notte scorsa
07-10-2016
Probabile un Intervento concertato delle banche centrali in un evento di qualche secondo, forse favorito da dichiarazioni poco intelligenti di Hollande e di Merkel, che potrebbe avere distrutto piu' di una sala di negoziazione di una grossa istituzione. Quale che sia il dato degli occupati americani oggi, i tassi con ogni probabilita' non potranno salire negli Stati Uniti se prima non si concerta una azione comune tra banche centrali che escluda qualsiasi ulteriore espansione nei programmi monetari da parte di qualsiasi delle prime banche centrali. Un assaggio di quello che potrebbe succedere con il voto sul referendum italiano se la politica non smette di enfatizzarlo come l'evento del secolo
06-10-2016
La contabilizzazione come portafoglio di investimento consente a qualsiasi CdA scaltro di contabilizzare le cedole ma non la eventuale minusvalenza
06-10-2016
Sfiduciato dagli stessi giornalisti il direttore del Sole, le principali testate devono decidere chi puo' pagare i loro conti, se gli sponsor o i lettori
06-10-2016
Die Welt riporta le ragioni per cui il premio Nobel vede il passaggio inevitabile. Utile iniziare a pensare a politiche di investimento che ne contemplino la probabilita'
04-10-2016
In economia i governi fanno sempre previsioni troppo ottimistiche, ma che almeno siano coerenti, pena una perdita completa di credibilità. Istat dovrebbe essere organismo indipendente, non soggetto a nomine politiche.
01-10-2016
Probabilmente la Merkel andrebbe a casa ma la Germania ha spazio per intervenire, l'Italia non, soprattutto dopo il prestito ponte di JPMorgan garantito dallo stato. Il rapporto di stock di debito su Pil in Italia è circa il 140% non il 132% come si legge sulla stampa, perchè le partecipazioni di CdP sono fuori dal perimetro di bilancio, anche se dovrebbero esservi
01-10-2016
Stampa sempre meno in condizione di essere indipendente. Con meno di trenta milioni di patrimonio a giugno il gruppo è in condizione di dissesto finanziario
30-09-2016
Le pressioni sui Sauditi sono enormi e nonostante Trump e Iran possano aumentare le produzioni, i rischi ambientali sono veri
28-09-2016
Deficit previsto al 2% per il 2017, per confezionare una legge di stabilità piena di promesse vane.
20-09-2016
L'attenzione sulle mosse delle banche centrali ha raggiunto l'isteria e molte testate classificano domani come un D-Day dell'economia. Con ogni probabilità non succederà nulla, assolutamente nulla. Settore petrolio di nuovo interessante
19-09-2016
Ora la Merkel mostrerà ancora meno aperture verso politiche fiscali espansive dei paesi con problemi di bilancio. Borsa italiana sempre più a rischio
14-09-2016
Pare evidente che avendo JP Morgan esteso il prestito ponte su garanzia del governo imponga un suo uomo (già vice di Mussari). le regole sulla onorabliità valgono, giustamente, sempre per i consulenti un po' meno per i banchieri. BCE forse conscia dell'errore sul piano industriale. Far west delle regole
14-09-2016
Tra quota del Tesoro, Fondazioni e divieto di vendita allo scoperto il titolo scambia oramai volumi ridicoli, quindi non può scendere ancora molto (ma neanche salire)
14-09-2016
L'uscita dagli indici di borsa STOXX50 porterà a vendite graduali ma continue sui due titoli, destinati a continuare a fare peggio del mercato
13-09-2016
Produzione industriale e vendite al dettaglio superiori alle attese ma le major del petrolio cinesi chiudono i pozzi: sempre meno credibili le statistiche ufficiali
12-09-2016
E'controproducente per tutti, tranne che per la politica che così spera di avere il beneplacito della BCE per rimandare l'operazione oltre il referendum, di non affrontare l'inevitabile. Il nuovo manager è un ex MPS e non è un rabdomante, non cambia assolutamente nulla. Più si aspetta peggiori saranno le conseguenze
10-09-2016
In Italia quando il piatto piange o la politica è in crisi o si "trova" un grande evasore o si "cattura" un mafioso. Se i soldi sono frutto di evasione non si trovano più e del resto non si capisce come potrebbe cadere l'accusa di truffa se i prezzi dei medicinali venivano gonfiati. Biada per le folle
08-09-2016
Ipotizzavamo qualche settimana fa che si trattasse di un'altra vicenda alla Mussari, uno colpevole gli altri tutti liberi.
08-09-2016
La stampa finanziaria azzarda che il rinvio della quotazione della seconda tranche di Poste dipenda dallo studio dell'acquisizione da Unicredit di Pioneer. In realtà non la vuole proprio nessuno. Meno spazio perché CdP si carichi di altre partecipazioni statali
08-09-2016
In uno dei suoi molti discutibili interventi la banca d'investimento lega il si al referendum alla soluzione per MPS. Con l'accentramento di alcuni servizi di "interesse nazionale" così Goldman Sachs si prepara il terreno per ricche commissioni per il piazzamento di quote di queste aziende sul mercato
08-09-2016
Aziende che si fanno pagare per indebitarsi, privati in difficoltà che non riescono ad indebitarsi per pagare. Segmento delle obbligazioni "corporate" e "alto rendimento" totalmente da evitare. Anche se la Bce dovesse comprarsi tutto quello che arriva, mentre lo 0,5% del triliardo di liquidità sino ad ora immessa sul mercato è arrivato alle aziende
07-09-2016
Domani Draghi ha la scelta tra non dire assolutamente nulla (e probabilmente come Weber, Barroso, Trichet prima di lui, garantirsi un posto al sole a fine mandato), oppure ammettere il fallimento delle politica monetaria. In questo caso potremmo contare su un indebolimento dell'euro: senza un euro debole o come suggerisce Stiglitz un euro a due velocità le economie mediterranee sono destinate ad una recessione profonda. Soprattutto se l'attenzione rimane a puntellare i mercati finanziari come fatua misura dell l'economia reale
[«] [<] 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 [>] [»]