Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
07-03-2019

Deficit Americano, Unica Cura l'indebolimento del Dollaro (Contro Euro)

Conferma evidente che gli equilibri commerciali dipendono da fenomeni strutturali, l'industria pesante non può ragionevolmente essere riportata negli Stati Uniti nelle dimensioni sperate dall'amministrazione americana, ieri il deficit americano per dicembre 2018 viene fissato a circa sessanta miliardi, di cui trentasei con la Cina.

A differenza di quanto si sosteneva in passato, non vi è stata neanche svalutazione competitiva delo yuan, come si vede dal grafico https://www.macrotrends.net/2575/us-dollar-yuan-exchange-rate-historical-chart il cambio tra dollaro e yuan è esattamente dove era nel 2008.

E le esportazioni americane, dalla grande recessione, sono aumentate più delle importazioni https://www.calculatedriskblog.com/2019/03/trade-deficit-increased-to-598-billion.html più ventiquattro per cento contro più quattordici:  ma gli Stati Uniti sono esportatori netti di dimensione, dato diffficile da immaginare, minore dell'Unione Europea /www.thebalance.com/u-s-imports-and-exports-components-and-statistics-3306270

Dunque se le esportazioni, pur partendo da un livello più basso delle importazioni, sono cresciute di più e il cambio con la divisa cinese è sostanzialmente invariato, il peggioramento strutturale negli ultimi dieci anni deve dipendere largamente dalla forza del dollaro nei confronti dell'euro, nonostante il rallentamento dell'economia europea, che nel 2018 ha addirittura registrato un deficit commerciale https://tradingeconomics.com/euro-area/balance-of-trade.

Il dollaro è pesantemente sopravvalutato contro euro ed è l'unica Leva possibile di riaggiustamento degli squilibri americani. Sul piano dei rapporti con la Cina, il predominio asiatico nelle nuove tecnologie, in particolare quella delle frequenze (5G) non può che peggiorare gli squilibri commerciali.

In questi ultimi mesi non si può aprire un sito o un giornale senza sentire parlare, di solito a vanvera, di intelligenza artificiale: l'altro giorno è statao pubblicato uno studio secondo cui il quaranta per cento delle nuove iniziative nel campo in Europa sono bufale https://www.theverge.com/2019/3/5/18251326/ai-startups-europe-fake-40-percent-mmc-report.

 Con tutta questa capacità di calcolo si sta però perdendo quella di analisi: qui i dati sono decisamente alla portata di una qualsiasi mente con un pò di preparazione economica, anche senza disporre di supercomputer eppure nessuno ne parla; ed è probabile che Draghi oggi ne debba tenere conto, evitando di mandare messaggi di apertura su nuove politiche espansive di politica monetaria.

Ci pensano già gli Italiani a fare arrabbiare gli Americani con inizative poco ragionate https://www.cnbc.com/2019/03/06/italy-set-to-support-chinas-belt-and-road-program-ft-report-says.html.  Parto di un sottosegretario all'Economia che sino a qualche tempo fa era ospite fisso dei vari dibattiti televisivi di bassa cucina.
L'apertura alla Cina è certamente necessaria ma se non si vuole che gli Americani spostino l'attenzione dalla Cina all'Europa, già in campo automobilistico vi sono segni, bisogna attaccare la spina al cervello prima di prendere iniziative autonome.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-04-2019
Bpm colloca una obbligazione richiamabile ogni cinque anni con cedole semestrali delL'8,75%: le banche le emettono quando non riescono a fare aumenti di capitale
10-04-2019
Quando succede vi saranno meno euro in circolazione
08-04-2019
Qualcosa di profondamente irrazionale sta succedendo sui mercati obbligazionari e vedrà correzioni violente: questa la settimana forse decisiva per le sorti delle valute
04-04-2019
Secondo il Financial Time già forse a partire dalla prossima riunione del dieci, la BCE potrebbe annullare la tassa implicita che le banche pagano sui loro depositi presso l'istituto centrale. Poco meno di duecento miliardi di euro già depositati dal sistema bancario, che potrebbero aumentare con questa idea. La carenza di euro in circolazione aumenterebbe molto e dovrebbe senza indugio spingere l'euro al rialzo e scoraggiare le grandi fusioni bancarie
02-04-2019
Molte polemiche sulle previsioni di crescita diffuse da Oc se e Confindustria, ma sono addizioni e sottrazioni, non elucubrazioni