Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
06-04-2009

"Mark to market", un boomerang

La scorsa settimana, FASB il gruppo di revisori contabili che negli Stati Uniti scrive le regole per la formazione del bilancio, ha ceduto alle pressioni del Congresso, lasciando che le banche contabilizzino a costo alcune poste incagliate; l'effetto è paradossale: se una banca ha una partecipazione a 100 che riesce a vendere a 200 mentre una seconda posta che ha pagato 100 vale 0 ma se la tiene in portafoglio, dichiarerà un utile di cento.
Il secondo problema che crea questo sistema è che di fatto rende molto più difficile che il settore privato si ricompri dal Tesoro le partecipazioni nel sistema finanziario. Le banche cercheranno di realizzare il più possibile di utili "per cassa" e questo le lascerà con un portafoglio sempre più incagliato di difficile valutazione per un esterno, visto che il suo valore, gonfiato, sarà certificato dalle società di revisione.
La terza conseguenza negativa sta nel fatto che ora, per parità di trattamento, chiedono la stessa cosa le banche europee.
La quarta e più importante è che per effetto di questo artificio le banche sembreranno più patrimonializzate, ma continueranno a non imprestare perchè la qualità del patrimonio rivalutato tenderà ad essere molto bassa.
Questo trucchetto contabile può contribuire a sollevare la prossima trimestrale delle banche ma a lungo andare pone le basi per ulteriori insolvenze.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

15-04-2019
Bpm colloca una obbligazione richiamabile ogni cinque anni con cedole semestrali delL'8,75%: le banche le emettono quando non riescono a fare aumenti di capitale
10-04-2019
Quando succede vi saranno meno euro in circolazione
08-04-2019
Qualcosa di profondamente irrazionale sta succedendo sui mercati obbligazionari e vedrà correzioni violente: questa la settimana forse decisiva per le sorti delle valute
04-04-2019
Secondo il Financial Time già forse a partire dalla prossima riunione del dieci, la BCE potrebbe annullare la tassa implicita che le banche pagano sui loro depositi presso l'istituto centrale. Poco meno di duecento miliardi di euro già depositati dal sistema bancario, che potrebbero aumentare con questa idea. La carenza di euro in circolazione aumenterebbe molto e dovrebbe senza indugio spingere l'euro al rialzo e scoraggiare le grandi fusioni bancarie
02-04-2019
Molte polemiche sulle previsioni di crescita diffuse da Oc se e Confindustria, ma sono addizioni e sottrazioni, non elucubrazioni