Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
20-07-2007

Pensioni, accordo insperato

E' sempre un punto di questo sito di non parteggiare per questo o quello schieramento politico, per cui volentieri riconosciamo il grande merito all'attuale governo di avere trovato un accordo sulle pensioni che rappresenta un grosso passo in avanti per questo paese.
Dal 2008 occorrerà avere 58 anni per andare in pensione e poi l'eta salirà di un anno nel 2009, con l'introduzione del cosiddeto 95:la somma tra anni di contribuzione ed età anagrafica dovrà essere almeno pari a quel numero per andare in pensione. Vengono risparmiati dalla riforma un milione e mezzo di lavoratori in mestieri cosiddetti usuranti (quale mestiere non lo è?), in realtà un intelligente contentino alle estreme sinistre e ai sindacati che così possono conservare larghe fasce di aderenti.
La somma tra anzianità lavorativa ed età anagrafica passerà progressivamente a 97 entro il 2013. Per i lavoratori autonomi, chissà mai perchè sempre discriminati in questo paese (il mito del salariato fa forse ancora molto presa sulle sinistre radicali) il meccanismo funziona ma è maggiorato di un anno.
Nel rispetto dell'inevitabile demagogia, l'accordo mostra peraltro grandi capacità di mediazione da parte del premier. Complimenti!
Rispondiamo volentieri ad eventuali domande di natira tecnica sul contenuto dell'accordo.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

15-04-2019
Bpm colloca una obbligazione richiamabile ogni cinque anni con cedole semestrali delL'8,75%: le banche le emettono quando non riescono a fare aumenti di capitale
10-04-2019
Quando succede vi saranno meno euro in circolazione
08-04-2019
Qualcosa di profondamente irrazionale sta succedendo sui mercati obbligazionari e vedrà correzioni violente: questa la settimana forse decisiva per le sorti delle valute
04-04-2019
Secondo il Financial Time già forse a partire dalla prossima riunione del dieci, la BCE potrebbe annullare la tassa implicita che le banche pagano sui loro depositi presso l'istituto centrale. Poco meno di duecento miliardi di euro già depositati dal sistema bancario, che potrebbero aumentare con questa idea. La carenza di euro in circolazione aumenterebbe molto e dovrebbe senza indugio spingere l'euro al rialzo e scoraggiare le grandi fusioni bancarie
02-04-2019
Molte polemiche sulle previsioni di crescita diffuse da Oc se e Confindustria, ma sono addizioni e sottrazioni, non elucubrazioni